NOTA INTRODUTTIVA

Il boomerang LD

Dopo aver volato per almeno ventimila anni, il boomerang è atterrato nel xx secolo ed è stato perfezionato a tal punto che le sue prestazioni in termini di distanza, risultano in assoluto, le più straordinarie fra tutti gli attrezzi da lancio o da tiro.

Il 1 maggio 1999, per chiudere degnamente secolo e millennio, è stato realizzato un record leggendario, tuttora imbatturo e forse imbattibile, dal più grande boomerang-men di tutti i tempi, lo svizzero Manuel Schutz, che ha lanciato un BLD di sua costruzione, il voyager, alla distanza prodigiosa di 238m.

L’evoluzione aveva avuto inizio negli anni 70 quando vennero superati i 100 metri da un pioniere inglese H. Schmidt ed in seguito è progredita senza interruzioni fino ad ottenere nel 1998 una prestazione notevolissima da parte dell’australiano D. Schummy che raggiunge 174 metri con BLD da lui stesso realizzato. L’anno seguente si ebbe la prestazione eccezionale già ricordata.

Attualmente questo sport conta diversi club in Francia, Germania e negli Stati Uniti.


I miei LD

Ho realizzato LD sperimentando le geometrie ed i materiali più diversi, dal PVC al policarbonato e tutte le fibre tecniche, Kevlar compreso e sandwich carbonio-vetro. Ovviamente il materiale più adatto risulta il carbonio, che si può gestire utilizzando pesi aggiuntivi o insieme alle fibre di vetro se si preferisce la massa distribuita. Le lastre di carbonio sono state realizzate con diversi tessuti alternati e orientati per ottenere una condizione isotropica, utilzzando peraltro fibre di vetro unidirezionali su alcuni LD. Diverse matrici epossidiche sono state ampiamente sperimentate, sempre con il trattamento termico raccomandato dal produttore.

Una molatura adeguata e perfezionata sul campo distingue i boomerang ad alte prestazioni da quelli realizzati con gli stampi che non hanno praticamente bisogno di modifiche.

Ho realizzato, negli anni, un buon numero di stampi che ho utilizzato sia con fibre di vetro che Kevlar, per la necessità di disporre di geometrie inizialmente identiche in un buon numero di esemplari; i risultati pratici ottenuti, anche senza molatura, sono stati realmente validi. Inoltre ho utilizzato, con ottimi risultati, anche una tecnica tipo LAP-JOINT con nastri di vetro unidirezionali ed anima di alleggerimento, con molatura finale: riferimento LD in fibra di vetro 117.

In generale i boomerang presentati si distinguono in due tipologie: LD prestazionali e LD con profili meno critici che si possono utilizzare più facilmente.

In effetti la traiettoria di un LD ad alte prestazioni risulta programmata dalla sua geometria, dai profili e diedri alari, dalla distribuzione delle masse ed infine dalla tecnica di lancio. Tutti questi fattori possono scoraggiare il neofita anche definitivamente, pertanto occorre un LD con caratteristiche non esasperate, con una "finestra di lancio" più ampia. Tra quelli presentati risultano adatti: LD in fibra di vetro 117 - LD in carbonio 5 - 80 - 101

Personalmente non ho mai partecipato a gare, nonostante l'allenamento e la disponibilità di LD adeguati, soprattutto perchè normalmente bisogna raggiungere località molto lontane.


Siti consigliati

Per i neofiti è doveroso ricordare immediatamente l’impegno di due svizzeri Tibor Horvalt e Lorentz Gubler che hanno realizzato il miglior sito LD a livello mondiale: BAGGRESSIVE.

Tibor Horvalt, attualmente negli Usa, è alla regia di un folto gruppo di appassionati, selezionati accuratamente, esclusivamente dedicato agli LD.

Bisogna citare anche l'ottimo lavoro di Laurent Garnier, francese, autore di un corso in cui riferisce, con competenza e generosità, della sua esperienza con gli LD.(vedere Laurent Garnier - France boomerang federation)